Home Approfondimenti Adottare i gatti randagi ecco come fare

Adottare  i gatti randagi ecco come fare

 I gatti randagi sono molto timorosi: fuggono quando si cerca di avvicinarli e attaccano se si sentono in trappola. Con il tempo, possono essere rassicurati  e mantenuti come animali domestici, ma alcuni continueranno ad avere un comportamento timoroso per tutta la vita.

  1. Cerca di capire la psicologia dei gatti impauriti. I gatti, che siano randagi  o meno, possono mostrare un comportamento timoroso per una grande varietà di motivi. È impossibile conoscere la storia del gatto. Tutti quelli timorosi dovrebbero essere avvicinati allo stesso modo, ma ci vuole sempre molto tempo e pazienza, in base alle loro esperienze e al temperamento.

    • I gatti addomesticati che hanno perso la loro casa (cioè i randagi) possono riassumere un comportamento timoroso. .
    •  I Gatti più difficili sono quelli che hanno avuto esperienze negative con l’uomo, siano essi randagi i o no. Queste esperienze possono variare dai maltrattamenti diretti, a qualcosa d’innocente come essere inseguiti dai bambini, secondo il livello di socializzazione del gatto.
    • Se un gatto è stato traumatizzato, non permetterà mai di essere preso, o anche accarezzato, ma può comunque essere tenuto come animale domestico e può continuare a migliorare nel corso degli anni.
    • I gattini e i gatti giovani sono più semplici da addomesticare, indipendentemente dalle loro esperienze precedenti con le persone. Se non c’è una necessità particolare, come essere rimasti senza madre, è solitamente meglio aspettare fino a quando hanno almeno 6 settimane prima di tentare di adottarli. Per i gattini più giovani saranno necessari biberon e cure particolari, così come una socializzazione extra.
  2. Gatti Randagi
    2

    La fiducia è la chiave per addomesticare un gatto timoroso.

    • Non tentare d’inseguire, di intrappolare o prendere un gatto timoroso. Non solo indurrà il gatto a mordere e graffiare, ma comprometterà seriamente qualsiasi sforzo per conquistare la sua fiducia.
    • Un gattino di sole 5 settimane di vita può essere addomesticato in due giorni, solo prendendolo per un paio d’ore di mattina e di sera, ma un gatto di un anno o più ti permetterà di accarezzarlo dopo settimane.
    • Non affrettare le cose. Se provi ad accarezzare o prendere il gatto troppo presto, dovrai ricominciare da capo e ciò significa che le settimane che hai speso per addomesticarlo sono state sprecate.
  3. Gatti Randagi
    3

    Socializza all’aperto con un gatto selvatico.

    • Quando lo vedi, prova a miagolare verso di lui. Puoi sentirti sciocco, ma questo è un segno di non-aggressione. Anche sedendoti mostrerai di non essere una minaccia.
    • Non camminare direttamente verso il gatto. Il tentativo di avvicinarlo sarà interpretato come aggressivo. Tieniti a distanza e lascia che sia lui a scegliere i suoi confini. Nel corso del tempo tenderà ad avvicinarsi.
    • Parla al gatto e cerca di avere la sua attenzione. Metti il cibo di fronte alla cesta e lentamente allontanati un po’; resta seduto, perché stare in piedi o torreggiare sul gatto è una minaccia.
    • Una volta che il gatto si è abituato a considerarti come una fonte di cibo, e lo vedi regolarmente, prova ad allontanarti e a stare seduto a distanza di sicurezza dal cibo. Se il gatto si fida di te, potrebbe mangiare in tua presenza.
    • Nel corso del tempo, si accorcerà la distanza di cui il gatto ha bisogno per sentirsi al sicuro. Prova a sederti gradualmente più vicino al cibo e lascia che si avvicini, ma non camminare verso di lui. È importante lasciare che sia il gatto a scegliere di avvicinarsi, non il contrario.
    • Alla fine il gatto si sentirà a suo agio mentre mangia con te seduto accanto alla ciotola. Prima di tentare qualsiasi contatto fisico, permettigli di odorarti. Puoi stendere una nocca verso di lui e permettergli di annusarla, o spostare verso di lui un cappello, un paio di occhiali o qualche altra cosa con il tuo odore. Puoi usare un bastone, che è ciò che molte persone preferiscono, strofinandolo con le mani per lasciarci il tuo odore. Dopo aver fatto questo per un paio di giorni, cerca di nutrire il gatto e accarezzagli la testa con il bastone attraverso la cesta. Dovrebbe funzionare dopo un paio di giorni.
    • Capirai dal suo linguaggio del corpo se si sente a suo agio con le carezze. Se non indietreggia, dagli un buffetto. Il momento ideale per farlo è mentre mangia. Muoviti molto lentamente e gradualmente, ma se smette di mangiare o si allontana, metti giù la mano e prova un altro giorno.
    • Una volta che il gatto si sente a suo agio con le carezze, è pronto per essere portato all’interno. Tentalo con il cibo e permettergli di venire di sua iniziativa.
    • Alcuni gatti, soprattutto quelli che sono stati traumatizzati, non ti concederanno troppa confidenza. Non potranno mai essere completamente addomesticati, e dovrai mantenere un rapporto più distante con loro. Se porti un gatto come questo in casa, lasciagli molto spazio. Possono addolcirsi con il tempo, o trovare alcune zone della casa in cui sentirsi al sicuro, ma alcuni non ti consentiranno mai un contatto fisico.
  4. Gatti randagi
    • Non cercare di catturare un gatto timoroso dandogli la caccia, spingendolo in un angolo o afferrandolo.
    • Metti un asciugamano, una coperta o un telo sopra un rasportino, Terrà il gatto calmo mentre lo trasporti, ma aspetta 10-15 minuti prima di spostarlo affinché si tranquillizzi.
    • Trova un ambiente sicuro per il gatto. Idealmente, questo spazio dovrebbe essere abbastanza ampio da consentirgli di mantenere le distanze da te, quindi i bagni di solito non sono l’ideale. Questo spazio dovrebbe essere relativamente tranquillo e utilizzato solo da chi sta addomesticando il gatto.
    • Dare spazio al gatto per correre è meglio che dargli nascondigli. Se si nasconde, è importante non avvicinarsi. Quando il gatto è nascosto, è vulnerabile, si sente con le spalle al muro e non vuole essere trovato. Fingi che sia invisibile quando è nascosto e consentigli di venire fuori quando si sente a suo agio.
    • Ogni volta, portagli il cibo e siediti o sdraiati sul pavimento mentre mangia, fino a quando non è a suo agio in tua presenza.
  5. Gatti Randagi
    5

    Fai diventare il gatto parte della casa:

    • Prendi il gatto per farlo sterilizzare/castrare e vaccinare al più presto. Se hai già dei gatti, dovresti pensarci prima di portarlo in casa e dopo aver fatto i test per FeLV, FIV e per i vermi.
    • Il gatto potrebbe non usare la lettiera in un primo momento. Se fa i bisogni da qualche altra parte, non mostrare rabbia, ma sposta semplicemente la cassettina nel punto in cui è andato e metti al suo interno eventuali feci che ha lasciato a terra. Ai gatti piace andare negli angoli e vicino alle porte, e queste sono buone posizioni per la lettiera. È anche consigliabile averne più di una.
    • Se il gatto è ancora molto sulla difensiva, puoi lasciargli una stanza tutta per lui all’inizio, dove trascorrerà per conto suo la maggior parte della giornata. Vai a nutrirlo con cadenze regolari e trascorri del tempo con lui mentre mangia. Siediti vicino a lui fino a quando non ti consentirà di accarezzarlo.
    • I gatti amano nascondersi, ma questo spesso li mette con le spalle al muro, aumentando il comportamento difensivo. In un primo momento, è meglio non offrire dei nascondigli a un gatto  randagio.
    • Lo spazio ideale per addomesticarlo dovrebbe essere una zona con molto spazio per fuggire, cosicché non si senta mai intrappolato avendo sempre modo di squagliarsela in caso di necessità.
    • Giocare è molto importante per la socializzazione dei gatti. Giocattoli pendenti a “canna da pesca”, raggi laser e altri giocattoli interattivi sono ottimi per stabilire un legame con il gatto. Alcuni gatti selvatici sono desiderosi di giocare fin da subito, mentre altri hanno bisogno di tempo, anche se ti permettono di prenderli in braccio.
    • Quando ritieni che il gatto sia pronto, puoi provare a prenderlo. Il modo corretto di prendere un gatto è mettere una mano sotto le zampe posteriori e la coda, e una sotto il torace, appena dietro le zampe anteriori, sollevandolo fino al tuo petto come quando fai fare ruttini al bambino sulla tua spalla. Fallo lentamente. Se il gatto non è ancora pronto per essere preso, dovrà solo allontanarsi prima che lo sollevi.

Consigli

  • Cerca di non guardare direttamente i gatti prima che siano a loro agio con te. Considerano aggressivo il contatto visivo, il che li induce a essere nervosi con te e per la situazione. Mentre stai seduto, leggi un libro o fai qualcos’altro, ma non guardarli. Se li guardi, prova a tenere gli occhi verso la loro estremità posteriore ed evita quanto più possibile il contatto visivo. Allo stesso modo, chiudere gli occhi o battere lentamente le palpebre è un gesto di fiducia verso un gatto e consente loro di sapere che non sei aggressivo.
  • I gatti sono dei golosoni, perciò prendili per la gola! Associano cibo e affetto; in natura un gatto può portare la preda che ha ucciso per condividerla con un altro gatto come gesto d’amore. Col tempo, anche il tuo gatto potrebbe portarti questi “doni”! Quando ti considererà una fonte di cibo e mangerà davanti a te, inizierà ad affezionarsi.
  • Non preoccuparti di un gatto. Prestagli attenzione, ma non infastidirlo.
  • Parlare con voce tranquilla, bassa e quieta, come faresti con un bambino, è sempre utile con qualsiasi animale. Selvatici o no. Accelererà il processo di familiarizzazione.
  • Fai uno sforzo supplementare per curare i gatti a pelo lungo e i gattini; il pelo lungo richiede cure particolari. Deve essere spazzolato spesso, altrimenti si arruffa e può provocare dolore e lacerazioni alla pelle con conseguenti infezioni.
  • Se ti avvicini lentamente, i gatti ti avvertono se hanno intenzione di colpirti. Se allunghi la mano per permettere al gatto di annusarla ma lo senti sibilare, allontanati o, se sposta il suo peso su una zampa, ritira la mano. Il gatto non è pronto per farsi accarezzare.
  • Per incoraggiare il gatto a rilassarsi, prova a sdraiarti sul pavimento. Sembrerai molto meno spaventoso.
  • I gatti molto paurosi spesso si legano solo con una o due persone e restano timorosi con tutti gli altri, nascondendosi e fuggendo.
  • Le unghie di un felino possono essere molto pericolose. Non tentare di prendere un gatto particolarmente difensivo se non sei addestrato e non hai esperienza.

Avvertenze

  • Prima di consentire a un nuovo gatto di venire a contatto con animali già presenti in casa, fai fare SEMPRE i test per le malattie trasmissibili quali la leucemia infettiva felina (FIL/FLV) e il Virus dell’immunodeficienza felina (FIV). Attualmente non ci sono test per la rabbia che non richiedano di sacrificare l’animale – ancora una volta, prova a osservare l’animale nel suo habitat naturale.
  • Non avvicinarti rapidamente a un gatto: ti può saltare addosso.
  • Cerca assistenza medica per i morsi e controlla con cura i graffi.
  • Alcuni animali randagi  possono avere malattie, zecche e pulci, ecc. Osserva gli animali nel loro habitat per un paio di giorni per capire se hanno malattie PRIMA di toccarli!
  • Cerca sempre di stare attento. I gatti randagi attaccano e soffiano quando vengono maneggiati, così devi socializzare con loro prima di prenderli o di metterli in una trappola non pericolosa. Fai attenzione alla possibile trasmissione delle malattie degli animali selvatici a quelli domestici.
  • Non strappare mai le unghie a un gatto che vive all’aperto. I gatti hanno bisogno delle unghie per cacciare e difendersi in natura. Prendi in considerazione di tagliare le unghie solo a un gatto che vivrà sempre all’interno.
  • Non cercare di toccare, addomesticare, fare amicizia o avvicinarti a un adulto randagio. Lascialo prendere da esperti.

Fonte: Wikihow

Responder

Este sitio usa Akismet para reducir el spam. Aprende cómo se procesan los datos de tus comentarios.